Innocenza

“I più grandi fra i beni giungono a noi attraverso la follia, che ci è concessa per dono divino.” Platone, Fedro.

Come tutto comincia, così finisce. Il tempo intero è un concatenarsi di durate. Un cominciare e finire di cicli sempre nuovi, interdipendenti e diversi. Il miracolo bambino che traccia cerchi intorno a sé ci custodisce e protegge con la lunga danza di infiniti Shiva e di uno Shiva solo. Ecco il mistico, ecco il divino, l’innocenza primordiale, Eva ed Adamo nello splendido giardino dell’Eden. Nella serenità non vi è vergogna, ma semplicità. Nella semplicità, serenità.

Perciò non abbiate timore.

In quel luogo che precede ogni parola e che non si può dire, in quel giardino denso di meraviglie e misteri che è la nostra vita, una presenza benevola, umile e pura, ci ama e protegge. In laborioso silenzio si occupa ad ogni passo di noi.

Imparate a sentirla vicina e non abbiate timore, ma gioia per l’incomprensibile.

I vostri progetti definiranno il valore del vostro essere. Intuizione ed esperienza, incontro anima e mondo, vi faranno da verità. L’ottimismo del giusto ottimismo sarà il vostro faro morale.

Perciò non abbiate timore. Amate ed andrà tutto bene.